post

Come guadagnare con le scommesse calcistiche, per sempre!

In occasione degli Europei di Calcio di Francia 2016 hai molte possibilità per FAR SOLDI FACILI!

Il primo metodo è seguire un SISTEMA DI GIOCO, con un sistema di gioco la vincita si affida ai NUMERI E ALLE STATISTICHE, quindi cosa accade? Accade che ALL FINE SI VINCE!

Il secondo metodo è studiare l’ANDAMENTO DELLE QUOTE. Il mercato mondiale “conosce” molti fattori che ai tifosi e ai piccoli giocatori sfuggono. Quindi seguendo l’andamento in rialzo, in ribasso o in totale stravolgimento delle quote, si possono “predire” alcune partite.

Il terzo metodo è AFFIDARSI ALLA SORTE! In questo caso, ma anche in tutti gli altri, un coefficente molto importante e valido è dato DAI BONUS che i BOOK offrono ai loro clienti, soprattuto in fase di registrazione inizile.

Qui c’è un esempio di SUPER OFFERTA con una famosa “casa di gioco” legale anche in Italia (VALIDO SOLO PER CLICK EFFETTUATI DAL LINK SOTTOSTANTE)


DEM Better Bonus Europei jpeg

Come conviene viaggiare a Londra? Bus o Underground? Oyster o TravelCard ?

Viaggiare a Londra costa e se non sei organizzato costa MOLTO.Oystercard

Partendo dal presupposto che sei arrivato a Londra tramite Heatrow  (il più grande e comodo aeroporto della città) ti trovi in zona 6 secondo la metro  (underground) e il singolo biglietto per arrivare in centro costa quasi 7 pound.

Se devi stare a Londra solo per quel giorno (difficile ma non impossibile) ti conviene fare la TravelCard di 1 giorno per tutte le zone. Avrai accesso fino alle 4 del mattino successivo a tutti i mezzi pubblici (bue e metro) in maniera illimitata.
Il costo è di circa 17 pound, quindi non poco ma puoi andare ovunque.

Se devi stare a Londra per almeno 3 giorni e pensi di usare spesso i mezzi (come penso sia scontato) vai tranquillo con la Oyster.
Cosa è la Oyster? È una specie di badge che ha un costo cauzionale di 5 pound e sul quale devi caricare i soldi.
Una volta caricata ogni corsa ti costa un XXX pound, fino ad arrivare alla soglia giornaliera che per i bus è di 4.50 pound (tariffe 2016) e per l’underground è di circa 6 pound.
Quindi se viaggi per 3 giorni solo  con i bus hai un costo massimo di 13.50 pound, se invece viaggi usando anche la metro hai un costo per persona massimo di 18 pound.

Dove conviene cambiare Euro e Pound o Sterline, Italia, Londra o aereoporto?

Cambio euro sterlina, dove conviene? In Italia o a Londra?5-pound-sterline-fronte

Volete andare a Londra? Ecco economicamente parlando, quali sono i passi più  convenienti.

Quanto costa cambiare i soldi? A Londra si usano le sterline che loro chiamano POUND e non accettano gli euro.

Se cambiate i soldi in banca o alla posta: fate attenzione a tasso di cambio e commissioni.

Per sapere il tasso di cambio aggiornato andate su Google e scrivete ad esempio

100 euro to pound

E premete ricerca: google vi darà il valore in tempo reale di 100 euro. In questo caso circa 140 Pound

Tenete presente che nessuno vi darà quel valore in quanto qualsiasi ufficio di cambio o banca sta lì per guadagnare.

Io ho fatto delle prove, sono andato all’ufficio di cambio dell’aeroporto di Roma e gli ho chiesto: <<quanto mi dai in pound con 200 euro?>> Ho fatto la stessa prova con l’ufficio cambi all’aeroporto di Londra, in un bancomat e ad un altro ufficio cambi dentro Londra (fuori dall’aeroporto).

I risultati sono molto esaustivi.

Ufficio cambi aeroporto italiano
118 pound
Ufficio cambi aeroporto Londra
124 pound
Bancomat dell’aeroporto di Londra
133 pound
Ufficio cambi dentro Londra
134 pound

In tutti i casi i conti sono stati fatti includendo tutti i costi (nel bancomat ho incluso anche i costi della transazione di prelievo su ATM di altra banca.

Come bancomat / carta prepagata ho utilizzato la ‘genius’ dell’unicredit che avendo operato tramite un ATM che fa da solo la conversione in valuta (ti chiede a schermo se sei d’accordo con il cambio proposto) non ti fa addebitare i costi del cambio valuta della tua banca. (quindi ho risparmiato 2 euro di costo operazione.)

Morale della storia: portati un pò di contanti e cerca il miglior ufficio cambi a Londra (quello di cui vi ho parlato è vicino alla fermata della metro di Russel Square in direzione Euston) e se fai i prelievi tramite bancomat trovane uno che faccia la conversione in Euro.

Se hai altre informazioni o vuoi dare qualche buon consiglio ai nuovi turisti, lascia un commento qua sotto.

Obbiettivo Canon 75-300 senza USM ISM stabilizzatore

Questo potrebbe essere decisamente un acquisto FOLLE, ma che ci vuoi fare… è da provare e il modello superiore costa decisamente troppo per il mio budget.

 

Quindi vado ad acquistare questo prodotto direttamente online e poi vi faccio sapere quali sono le mie impressioni sulla sua qualità e sul rapporto qualità prezzo.

 
Canon EF 75-300mm/ 4,0-5,6/ III Obiettivo ZoomCanon EF 75-300mm/ 4,0-5,6/ III Obiettivo Zoom

 

a tra pochi giorni.

Errore wordpress. Impossibile creare la directory (nome) Verifica che la directory madre sia scrivibile dal server

errore wordpress impossibile copiare count not copyDopo aver fatto degli aggiornamenti, dopo aver cambiato server, dopo aver migrato il proprio sito su un altro spazio è possibile che ci sia un problema del genere.

Prima di tutto si cerca di risolverlo tramite wp-config.php, andando ad impostare ad esempio i seguenti dati:
Accesso automatico tramite FTP con le credenziali del protocollo

/** Sets up WordPress FTP info. */
define(‘FS_METHOD’, ‘ftpext’);
define(‘FTP_BASE’, ‘/httpdocs/’);
define(‘FTP_USER’, ‘xxxx’);
define(‘FTP_PASS’, ‘xxxx’);
define(‘FTP_HOST’, ‘nomedominio.it’);
define(‘FTP_SSL’, false);



oppure attraverso un accesso diretto, bypassando FTP (da NON usare insieme ai dati sopra riportati del metodo FTP)

define(‘FS_METHOD’, ‘direct’);

 

Ma può succedere che non si risolve nulla.

A questo punto si provano a cambiare i permessi dei file, provando anche con il 777 alla directory/cartella UPLOADS, … ma nulla.

Si da uno sguardo in giro e cosa si trova?

Dentro IMPOSTAZIONI (o Settings in inglese) poi su MEDIA (uguale in inglese), verificare sotto “Caricamento file” la la voce “Memorizza gli upload in questa cartella”.
Se si passa da vecchie versione ad una nuova, magare in un sotto-dominio o in un hosting particolare il problema può essere solamente dovuto ad un parametro errato. Di default il valore dovrebbe essere “wp-content/uploads” ma in alcuni casi potrebbe essere meglio impostare qualcosa tipo: /var/www/vhosts/NOMEDOMINIO/SOTTODOMINIOoDIRECTORY/wp-content/uploads

E senza andare a rompere la testa a qualcuno o a contattare il provider/hosting si risolve il tutto.

post

Vendita on line di elettronica, elettrodomestici e prodotti scontati!

redcoon_Logo_CMYK_modifiedRedcoon è un sito web equivalente, in tutto e per tutto, ad un centro dedicato all’elettronica come MediaWorld o Saturn, con la differenza che non ha sedi fisiche, ma solo online.

Questo tipo di siti è ottimo per alcuni versi, pessimo per altri. Nel caso di una verifica di un prezzo, di una disponibilità sul territorio italiano di un determinato prodotto, il sito web si presta molto bene alla verifica. Sicuramente è uno dei siti web più “accattivanti”, del resto il loro motto è PREZZI PICCANTI. L’aspetto negativo, al contrario, è l’impossibilità di avere un contatto “personale” con lo staff, con il titolare o con il tecnico del caso. Quindi cosa accade alla vendita del prodotto?

1. Si paga con carta di credito in ANTICIPO, prima di ogni cosa.

2. Ci arriva il prodotto a casa (o in ufficio) con un servizio solitamente molto rapido.

3. Se non ci sono problemi siamo contenti. Se si verificano problemi (dipendenti da Redcoon o dal corriere, dalla casa costrutrice o dall’impiegato che ha preparato il pacco…) di qualsiasi natura, allora, siamo un po’ inguaiati.

Si perché la legge italiana recita che la garanzia è principalmente un problema del venditore, poi l’utente si può rivolgere anche all’assistenza della casa. Ma in questo caso il venditore è quasi virtuale. Quindi? Quindi sperate di non aver problemi, o spendete qualche soldo di più e prendete il prodotto sotto casa. A voi la scelta.

 



Logo redcoon.it 200x100

post

Log me in free chiuso, alternative e controllo remoto gratuito

remote desktopTra sette giorni LOG ME IN FREE chiude (il 29 gennaio 2014 sarà l’ultimo giorno di servizio).

Cosa accadrà quindi? L’effetto diretto sarà la perdita di tutti i clienti che usavano saltuariamente il servizio, ma contestualmente vi sarà anche un aumento delle vendite di persone che utilizzavano il servizio di controllo remoto a zero configurazione, più semplice ed immediato al momento disponibile, che desiderano continuare a utilizzare il servizio senza dover cercare un’alternativa.

Per uso privato, l’alternativa più evidente è sicuramente TEAM VIEWER, per uso commerciale questo programma è a pagamento.

Un programma abbastanza semplice da usare, senza alcune funzioni base di un programma per il controllo remoto costante è invece AMMYY, questo programma è gratuito con dei limiti per uso privato, a pagamento per uso commerciale.

Per uso sia privato che commerciale si sono poi altre soluzioni, più “tecniche” come i vari VNC, tra cui spicca UltraVNC oppure si possono usare soluzioni basate sul proprio sistema operativo, come RDP per Windows, queste ultime configurazioni, però, hanno bisogno di un maggior controllo della configurazione del router e del firewall in uso nell’azienda / abitazione.

 

 

TEAM VIEWER

Team Viewer è ormai una realtà consolidata nella teleassistenza e nei servizi di monitoraggio delle postazioni “continuativi”. Avendo due modalità di accesso (tramite condice temporaneo e tramite utente e password) permette di utilizzarlo sia tra amici e colleghi, sia per controllare il proprio PC quando non si è in sede, in ufficio o a casa. E’ probabilmente la soluzione più simile a LogMeIn con la differenza sostanziale che il servizio ormai in “chiusura” poteva funzionare anche solo con un browser web per il “visualizzatore remoto”, mentre TeamViewer utilizza un suo software per il controllo in entrambi i PC. LogMeIn era però più “complicato” per il primo utilizzo, cosa che invece TeamViewer ha semplificato sotto tutti i punti di vista.

 

AMMYY

Questa soluzione è la più IMMEDIATA per un utilizzo rapido, ma risulta meno consigliata per controllare il proprio PC, in quanto non gestisce in maniera autonoma utenti e password. Ha inoltre un problema di sicurezza che permette a chiunque di richiedere accesso al PC che ospita il programma, ovvio che serve la conferma dell’utente, ma in entrata si vede solo il numero di richiesta, quindi se non si è davvero pignoli il programma si può definire come potenzialmente a rischio, non serve utente e password, ma solo un numero ed una persona che clicca su OK! 😉 Il suo vantaggio è l’assenza di qualsiasi richiesta di installazione e il mantenimento permanente del numero di sessione (anche dopo il riavvio del PC).

UltraVNC

E’ un programma per il controllo remoto che nasce quasi insieme alle prime reti. UltraVNC è una versione opensource, dall’aspetto un po’ grezzo ma funzionale. Non è perfettamente ottimizzato per l’alta velocità in rete internet, funziona perfettamente su connessioni LAN, ma con un po’ di pazienza e una connessione ADSL si riesce ad utilizzarlo anche tramite internet. Parte come SERVIZIO se si installa il modulo SERVER e permette la connessione automatica previo il NAT delle porte del router corrispondenti al servizio (solitamente 5900-5901, ma altamente configurabili)

RDP

Come VNC, questo programma-protocollo nasce insieme alle prime reti (NT4-Windows 2000) ma da Windows XP è stato modificato per essere sempre più sicuro e ogni versione di Windows lo migliora. Come VNC utilizza delle porte TCP-UDP (la 3389 se non viene modificata) e quindi è possibile collegarsi da remoto utilizzando una configurazione appropriata sul router-firewall. Nonostante sia un servizio della Microsoft solo i PC con un sistema Professional/Business/Server hanno pre-installato il servizio come SERVER, mentre nelle versioni Home-Starter questo programma è utilizzabile solo per la connessione al PC che fa da SERVER (quindi sono solo dei terminali verso il PC più “completo”).

La decisione finale sul programma da utilizzare spetta a voi, se vi trovate bene con LOGMEIN il consiglio è di acquistare la licenza (ad oggi è di 39 euro per 2 PC), se invece l’uso è molto limitato o il “budget” non raggiunge tale cifra optate per una soluzione alternativa.

Se hai dubbi lascia pure un messaggio di seguito.

post

Navigare su internet in Francia con i servizi 3g/4g senza abbonamento

rubrica email sito web contatti_telefonoLa Francia è differente dall’Italia e le offerte, soprattutto fino a qualche mese fa, erano quasi completamente orientate ai servizi ad abbonamento annuale. Pagando un TOT l’anno si avevano telefonate, sms e se pagavi di più anche internet.

Le opzioni per internet senza abbonamento sono ESTREMAMENTE costose, paragonate ai servizi che offrivano prima.

Ma il mercato sta cambiando anche in Francia e ora si possono trovare tariffe come queste:

LEBARA

Internet con un massimo di 100MB per un massimo di 14 giorni a Euro 2,90

codice WEB100

Internet con un massimo di 250MB per un massimo di 30 giorni a Euro 4,90

codice WEB250

e si attivano direttamente dal telefono con un SMS

Basta inviare un SMS al 22241 (SMS gratuito) con scritto WEB100*OUI o WEB250*OUI

Con questa compagnia si può verificare il credito residuo digitando il codice *133#

Sempre con questa compagnia si pagano (se non si attivano offerte internet come quelle sopra proposte, alla data odierna) 9 centesimi per MB con scatti di 1 centesimo

 

Con ORANGE il costo è un pò superiore

100 MB per 15 giorni a 8 Euro

ma qui c’è inclusa la SIM e forse il servizio da una velocità più costante.

L’offerta è: Pass Let’s go

rintracciabile nella categoria: pass prépayé 3G+ mobile

 

Sempre ORANGE propone un’altra offerta ma questa è una RICARICA e non credo che include la SIM

che offre Les recharges internet mobile:

5 euro per 150 MB per 1 settimana

10 euro per 500 MB per 2 settimane

oppure il pacchetto HOLIDAY a 40 euro con incluse chiamate e uso del WiFi Orange.

 

Invece SFR propone costi relativamente alti

SIM a 10 euro

5 euro per 100 MB per 1 settimana

20 euro per chiamate + sms + 300 MB per 1 mese

 

 

L’offerta BOUYGUES di è invece differente:

si ha la possibilità di prendere una SIM (o MICROSIM) senza alcun contratto a 9,90 euro, con inclusi, in linea teorica (in quanto non sono spiegati i dettagli) 2 giorni di uso internet, sulla quale poi ci si attivano le offerte proposte dalla compagnia stessa, per esempio (i dati sono tutti massimali, quindi al superamento di un qualsiasi parametro l’offerta si ferma)

1 giorno / 300 MB a 6 Euro

7 giorni / 2000 MB a 20 Euro

31 giorni / 4000 MB a 40 Euro

poi ce ne sono altre 4 che invece di essere a MB sono a fasce orarie ma a quel punto parliamo di prezzi da Internet Point!

Un’alternativa è il BOX UMTS WIFI proposto dalla stessa compagnia al costo di 45 Euro con inclusi, in linea teorica (in quanto non sono spiegati i dettagli) 4 giorni di uso internet. Passati i 4 giorni teorici si possono attivare le offerte sopra proposte.

 L’offerta VIRGIN è invece suddivisa

Cartes Prépayées a 10 euro

Poi l’offerta sembra essere di 2 euro al giorno per 50 MB, ma è fatta per i telefoni e ci sono alcune condizioni.

 

 NRJ invece propone delle ricariche anche a 500MB

Carta a 9,90 euro con 5 euro inclusi

Ricarica web

100MB a 3 Euro

250MB a 4 Euro

500MB a 6 Euro

E viene specificato che il VOIP non funziona, ne tantomeno è incluso il PeerToPeer, potrebbe però essere valutabile

 

 

 

Altri link non aggiornati che ne parlano

http://www.prepaidgsm.net/en/france.php

http://vivereincostazzurra.blogspot.it/2012/01/compagnie-telefoniche-francesi-e.html

http://www.justlanded.com/italiano/Francia/Guida-Francia/Telefono-Internet/Tariffe-per-cellulari

 

Infine, per utilizzare il servizio c’è bisogno dei parametri APN degli operatori francesi. Per comodità inserisco il file in formato scaricabile.

Paramètres APN Internet france francia in DOCX

Paramètres APN Internet france francia in PDF

 

post

Importare molti contatti VCF su Gmail – Thunderbird – Android o altra rubrica

Spesso capita che i programmi (come Nokia Ovi Suite) esportino i contatti della propria rubrica su “File Singoli”, ad esempio se si hanno 500 contatti salvati sul proprio telefono verranno creati rispettivamente 500 file. Questo è alquanto scomodo per importarli in altri sistemi dove i contatti possono essere importati con 1 file per volta, vi immaginate di dover importare a mano 500 contatti? Un’enorme perdita di tempo.

rubrica email sito web contatti_telefonoSi possono però unire facilmente, nel senso che si può generare un file vCard unico dai 500 contatti.

Su Windows (anche Windows 8) basta andare nella schermata DOS e digitare un semplice comando:

– Aprire il dos premendo il tasto WINDOWS + la lettera R

– scrivere CMD

– posizionarsi nella directory dove si trovano i file VCF ad esempio se si trovano in c:\users\PC\Desktop\contatti dovremo scrivere

cd c:\users\PC\Desktop\contatti

– lanciare il comando per unire i file

copy /b *.vcf rubrica.vcf

Questa operazione ci creerà un file unico con nome: “rubrica.vcf” che sarà possibile importare in qualsiasi applicazione correlata.

Se invece avete un MAC il comando da lanciare (sempre da terminale) è:

fmt -sp *.vcf > rubrica.vcf

(Compatibile anche con Mozilla Thunderbird – Google Mail – Android SmartPhone)

post

Come verificare lo stato delle promozioni TIM per Internet

La risposta è semplice: visitando il portaletim_logo

http://www.timinternet.it/

Ma ancora più semplice? Basta aprire questo link:

https://www.timinternet.it/timmobile/private/wp.do

e senza consumare altri MB o perdere altro tempo, vi da direttamente solo lo stato dell’abbonamento. Veloce, pratico, essenziale!

Fatemi sapere se non funziona o se vi è stato utile!