post

meglio srgb o adobe rgb?

Mi sono imbattuto più volte in questo argomento e la risposta è veramente semplice, spesso però le persone rispondono lasciando molti dubbi, creando post prosaici o dicendo che sono buoni tutti e due. Vi do una risposta RAPIDA.

adobe rgb vs srgb

adobe rgb vs srgb

Se deve pubblicare le foto solo nel web va benissimo impostare la fotocamera e il software (come Photoshop) su SRGB.

Se deve procedere con la stampa (con apparecchiature professionali) è meglio Adobe RGB perché ha una gamma superiore di gradazioni di colori.

Se si vuole pubblicare e mantenere quante più info sul file PER IL FUTURO (quando le tecnologie saranno differenti)… meglio lasciare il RAW originale.

Per chi non si fida delle mie considerazioni invito a lasciare un commento o consultare i seguenti link

https://it.wikipedia.org/wiki/Spazio_colore_sRGB

https://it.wikipedia.org/wiki/Spazio_colore_Adobe_RGB

post

Adobe, Cs7 AKA Creative Cloud e il Winter Tour: si il momento è davvero freddo

adobeSe da un certo punto di vista l’approccio di Adobe verso gli sviluppatori è buono, offrendo in un pacchetto unico, ad un costo “equo” TUTTI gli strumenti (… per essere precisi tutti tutti no… praticamente tutti, ma c’è qualche limite), d’altro canto l’obbligo di dover PAGARE A VITA un prodotto non è poi così “bello” come pensiero.

Il nuovo Tour realizzato da ADOBE per gli utenti italiani è perlopiù un’eposizione delle funzioni, molte delle quali già conosciute dalla stragrande maggioranza degli utenti, con qualche consiglio, qua e là, su come ottimizzare il proprio lavoro “grazie” a CC.

Iniziamo dalla mia personale opinione: siamo messi male, l’incontro era in una location minuscola, è stato offerto il seguente KIT: foglio con prezzi CC (abbonamento Creative Cloud) e costi dei microcorsi online… a partire da 70 euro, PENNA BIC personalizzata, 1 block notes con circa 20 fogli.

Io mi ricordo le sessioni di presentazione dei prodotti MACROMEDIA, erano delle sale immense, mi ricordo una presentazione Microsoft dove hanno regalato TECHNET a tutti i presenti, in una sessione invece hanno regalato Office 2010. Io non chiedo assolutamente CC in omaggio, ma avrebbero potuto offrire un periodo di 2 mesi di prova (a differenza dei 15 gg di prova gratuita offerta a tutti), avrebbero potuto offrire un “BUONO” sconto sul pacchetto annuale, invece hanno offerto 10 EURO di sconto… io in pratica ho speso 50 euro solo di trasporto per vedere l’incontro. Sia ben chiaro, non desidero porre la faccenda sul mio costo, ma sul livello a cui siamo.

Io ho acquistato Macromedia Studio MX, poi ho aggiornato a CS4 poi a CS5.5 poi a CS6. Non ho bisogno di Premiere nei programmi installabili, faccio web e anche se i video sono sempre più WEB e meno DVD, non è del mio ramo, e firmare una cambiale a vita per un prodotto SIMILE a quello che ho… al prezzo promozionale di 39 euro al mese… non so se si può fare. Se mi costava 500-600 euro, probabilmente l’avrei preso, perché non mi sentivo un debito mensile sul collo, che si traduce in una continua spesa da aggiungere alle tasse, agli abbonamenti di altri prodotti… etc etc. Se io non uso CS6 per 6 mesi perché nessun cliente ha bisogno dei miei servizi e quindi non mi pagano, il 7 mese potrò comunque, in assoluta certezza, continuare da dove ero rimasto. Così no, devo sapere che PER SEMPRE dovrò pagare un costo che ad oggi è 40 euro al mese e in futuro sarà 70 euro. Se poi io dirò ad ADOBE non mi serve più, loro non faranno altro che RIPRENDERSI TUTTO.

Passiamo ora ad un giudizio ABBASTANZA OBBIETTIVO sul prodotto.

Per i WEBMASTER vecchio stile Muse è una svolta. Per gli amanti del codice, delle personalizzazioni massime, questo software è una presa in giro, ma secondo me è un buonissimo prodotto per realizzare un sito web d’impatto in meno di 1 giorno.

Per gli amanti della gestione VIDEO, le nuove features di Premiere, After Effects e Media Encore, non fanno che snellire il lavoro (conoscendo BENE il prodotto che si va ad utilizzare) e danno alcune possibilità di modifica dei video che prima erano “solo” disponibili ai veri professionisti dei video, con software sconosciuti al grande pubblico, come ad esempio l’allineamento AUTOMATICO del multicamera tramite AUDIO (senza l’audio di ogni camera non si fa nulla) o come il VIDEORITOCCO che è diventato “facile” come il FOTORITOCCO su Photoshop .

Photoshop ora, con varie implementazioni di funzioni “vettoriali”, riesce a gestire bene oggetti 3D per le nuove stampanti, gestisce oggetti che prima erano esclusiva di Illustrator / inDesign /  Fireworks e include varie funzioni di AUTOMAZIONE adatte a programmatori e webmaster.

Il nuovo Animate (del gruppo Edge) va a fare le cose che prima si facevano con FLASH, ma dato che ora flash è stato “deprecato” dalle pagine web, esporta direttamente come codice HTML (grazie ai nuovi strumenti messi a disposizione dalle nuove versioni di HTML5, CSS3 e JS). Quindi se prima realizzavate delle animazioni per il web (magari le intro dei siti internet con Flash ora potete utilizzare ANIMATE)… chissà cosa ne pensa il fondatore di Macromedia di questa evoluzione che “chiude” Flash alle applicazioni “ad alte prestazioni” come i giochi online…

Poi hanno spiegato cosa sono i servizi tipo TypeKit… io mi domando: se fai la grafica per il web, al 2014, non conosci ancora i webfonts? Quale webmaster ignora come si fa una scritta come questa dopo 4 anni di presenza del servizio Google Web Fonts???

Comunque quale era l’argomento principale? Realizzare un’APP per una rivista digitale, partendo da un progetto che dovrà essere consultabile da tutti i dispositivi, ma l’APP era solo per Apple, il mercato Windows e Android secondo la visione Creative Cloude di ADOBE prevede la sola visualizzazione tramite sito web, non è possibile creare APP per Android ne tantomeno per Windows Phone o Windows 8.

Nulla… termino qui.

La mia idea per Adobe?

Proporre un pacchetto in abbonamento, magari con un periodo minimo di 2 anni, con possibilità di INTERROMPERE il pagamento (senza bloccare il software) se il cliente, dopo un periodo minimo stabilito da contratto, non desidera più utilizzare gli aggiornamenti offerti dalla software house e i vari servizi web come Business Catalyst o il Cloud Adobe.
Se in pratica il ho sottoscritto l’abbonamento, pago la tariffa per 2 anni per obbligo di contratto (ad esempio), poi pago per altri 3 mesi perché ho dei lavori importanti e/o voglio tenere aggiornati i miei software, poi per mille motivi al 28 mese chiedo ad Adobe di sospendere l’abbonamento. Il programma che ho rimane quindi funzionante sul PC ma non si aggiornerà più.

Ma ripeto, questa è solo una mia IDEA, non è come funziona realmente ad oggi. Ad oggi, se sottoscrivi Creative Cloud, devi pagarlo finché vuoi utilizzarlo.

post

Megavideo e Megaupload chiusi, i gestori arrestati, FBI mette i puntini sulle i

Si, questi siti rappresentavano una fonte di FILE SHARING ma non erano l’unico archivio. Internet e’ nata per scambiare informazioni.
Youtube attualmente ha un immenso archivio video, non tutti le pubblicazioni sono LEGALI.
Rapid share, fileserve, e decine di altri siti web che ospitano files… saranno tutti chiusi?

Quindi? Ci ritroveremo a breve senza il filesharing come lo conosciamo? Di conseguenza verranno distribuiti solo contenuti legali, originali e privi di copyright. I file protetti solo a pagamento.
Io sono D’ACCORDO ma togliamo le tasse, vero?

Lo sapete che in ITALIA paghiamo il 5% S.I.A.E. (TASSA STATALE secondaria…) + 21% IVA (TASSA STATALE di 1° livello) di tasse sui dispositivi di memorizzazione?

Continue reading “Megavideo e Megaupload chiusi, i gestori arrestati, FBI mette i puntini sulle i” »

10 motivi per non andare a dormire (se non alle 4 o alle 5 del mattino)

Se vuoi passare una notte produttiva e ti trovi da solo in casa ci sono molte cose che possono spingerti ad andare a dormire “all’alba”.

1) puoi finire alcuni lavoretti rimasti in sospeso
per lavoretti intendo aggiustare una piccola cosa in casa o finire il modellino del tuo hobby preferito o anche finire qualche lavoro di qualche “cliente” della vita diurna, di notte infatti non si viene mai disturbati dagli altri, il telefono non squilla mai e ci sono zero distrazioni. Fate attenzione a non far rumore se abitate vicino ad altre persone…
2) puoi passare la notte a vedere la TV
magari se hai perso tutti gli “episodi” di guerre spaziali o tutta la saga del signore degli anelli (in versione integrale) o magari puoi ripassarti gli ultimi 5 film di Harry Potter prima di andare a vedere al cinema la “prima parte” dell’ultimo capitolo (si perché spezzano in due un film per renderlo più commerciale). Oppure in caso di assenza di materiale posso rassicurarti perché ad esempio su mediaset riescono a fare dei maxi sponsor che arrivano a quasi mezz’ora di chiacchiera per venderti qualcosa di inutile ad un prezzo di “novità”.
3) puoi (se sei veramente appassionato) leggere un bel libro
In una notte puoi tranquillamente finire un gran libro a patto che: sei veramente veloce nella lettura, non ti soffermi a pensare a ciò che dicono i personaggi, non ti soffermi ad immaginare le scene e soprattutto a patto che tu non abbia problemi di vista, altrimenti leggere la notte è drammatico!
4) hai sempre lasciato in disparte la tua raccolta di video e foto per i tempi migliori: questa notte puoi farlo
Puoi vedere, organizzare, eliminare o solo “ordinare” (dando un nome che non sia IMG001 o VIDEO1) a tutta la collezione multimediale che in questi anni hai collezionato tra i mille scatti fotografici inutili e i video più che mai amatoriali realizzati.
5) prendere una confezione di gelato da mezzo chilo e metterti a tavola
Forse non dura più di mezz’ora, ma probabilmente dopo avrai problemi a dormire, quindi lo scopo lo hai raggiunto lo stesso!
6) organizzare una mega partita online
Seleziona il gioco più “lungo” che trovi nella tua collezione e dove ti ritieni imbattibile, seleziona la modalità a “scontro infinito” verso tutti gli avversari che trovi in rete finché non ti sconfiggono. Se poi non sei così bravo forse dovrai andare a dormire presto!
7) cruciverba, quiz e rompicapo
Se non sei un patito dei giochi di ruolo o degli sparatutto non troverai tanti giochi multigiocatore adatti al tuo scopo, allora adattati a giocare con la settimana enigmistica e se non ce l’hai in casa (e alle 11 di sera probabilmente l’edicola è chiusa) cerca i siti di giochi vecchio stile, quiz e sudoku online, ce ne sono centinaia, ma fai attenzione a non prendere quelli pubblicitari che ti fanno scaricare gli spyware!
8) Inizia a Googlare e a navigare senza scopo
magari parti scrivendo il tuo nome sul motore di ricerca, vedi quel che viene fuori e poi clicca sui siti nei link che ritieni più interessanti, forse arrivi anche alle 6 del mattino! Se poi una pagina è poco importante non è grave: clicchi sulla successiva…
9) # …E come procede il romanzo che stai scrivendo, eh? Hai un po’ eeh.. bel po’ di carta ammucchiata lì ? Hai hai hai una bella storiella sulla quale stai lavorando un grande romanzo? Sul quale stai lavorando da tre anni eh? Hai un protagonista avvincente? eh? Forse c’è anche un ostacolo che deve superare eh? Una bella storiella in cantiere. Stai lavorando? Stai lavorando da un bel po di tempo? si? Hai iniziato a parlarne tre anni fa. Stai lavorando senza sosta? Un bel pezzo di narrativa, inizio sviluppo e fine? Amici che diventano nemici, nemici che diventano amici sì? Alla fine il tuo personaggio principale esce arricchito da questa esperienza? Sì? Sì? Sì? Sìì? Ha un… no no ti meriti del tempo libero! (Stewie dei Griffin – Family Guy)
10) puoi fare come faccio io, pubblicare un post inutile sul tuo blog

Esperienze personali e problemi con RENAULT CLIO e NARCISI AUTO e garanzia

Spesso si torna dal vecchio concessionario per fiducia, ci si affida alla stessa casa automobilistica perché ci si è trovati bene con una vettura economica e si vuole passare ad una vettura migliore.
Succo della storia: non sempre è bene lasciarsi consigliare dal venditore, spesso fanno solo da mercanti.

Agosto 2008: acquisto una Clio, Km 0, perfetta, chiedo impianto GPL e garanzia almeno a 3 anni. Il venditore mi fa pagare per intero l’impianto GPL e mi dice che la garanzia è meglio non estenderla subito… non c’è fretta mi dice: poi la estendi prima della scadenza.

Io tranquillo torno a casa con la macchina nuova.

Dopo 11 mesi (luglio 2009) faccio il primo tagliando presso la Narcisi Auto di Foligno (PG) (il venditore). Tutto ok, nessun problema, costo del tagliando regolare.

Dopo altri 12 mesi (quindi 23 mesi dall’acquisto) torno presso la Narcisi Auto e faccio presente che:
– il volante in pelle si è “raggrinzito” e presenta una brutta piega (scomoda anche per la guida)
– negli ultimi 2 mesi ho messo più di 2 litri di liquido refrigerante nel radiatore, quindi chiedo di controllare se ci sono perdite
– le ruote di dietro si sono LETTERALMENTE finite, prima di quelle davanti, in maniera irregolare (solo ai lati esterni)

Per il primo problema mi viene detto dal magazziniere: mi dispiace se venivi prima della fine di giugno 2010 era passato in garanzia, oramai non più (anche se io ho acquistato la vettura ad agosto 2008), io chiedo se per quale motivo non ero stato avvisato e lui mi risponde che devo chiamare il numero verde della Renault per chiedere spiegazioni, loro non rispondono di nulla, loro si occupano solo della vendita… e alla fine un cliente scontento per lui non è un problema, ce ne sono sicuramente altri disposti ad andare li a comprare una nuova macchina.

Per il secondo problema il capoofficina mi rassicura dicendo che l’impianto è in regola, non perde liquido… io perplesso mi devo tenere quella risposta… chissà dove ho versato allora io il liquido che diminuiva.

Per il terzo problema arriva la parte più bella perché scopro che è un problema di “ponte posteriore” e alcune auto escono di fabbrica con questo difetto di fabbricazione e la Renault passa in garanzia questo problema solo se te ne accorgi nei primi 1000 km… devi essere un mago per capire che le tue ruote posteriori sono sballate…

Morale della favola: il secondo tagliando mi è costato 800 euro.
Euro 150 tagliando standard
Euro 90 controllo valvole
Euro 150 convergenza e controllo ponte posteriore/assetto
Euro 410 sostituzione 4 gomme (quelle davanti erano ancora buone, ma di fatto non si possono cambiare quelle di dietro e lasciare quelle davanti per altri 3-6 mesi… )

A questo punto vado verso casa. Mentre metto in moto il responsabile dell’autofficina mi dice: metti il GPL, noi non l’abbiamo controllato. Io cerco un distributore ma nelle vicinanze non ne trovo nessuno così vado verso casa. A 30 km dall’officina metto il carburante dal solito distributore, accendo il GPL e … magia: non funziona. Io ho portato a controllare una macchina funzionante e torno a casa con una vettura GUASTA, ovviamente dopo aver pagato 390 euro.

Telefono alla Narcisi Auto e gli faccio presente che la mia vettura (come loro sospettavano… credo) non funziona.
La mattina dopo (erano le 19 di sera quando ho appurato il guasto) torno presso l’officina e dopo la prima insinuazione effettuata dal “capo”: ma quando ci hai portato la macchina il GPL non funzionava vero?… E IO MI SONO ALTERATO. Aspetto. Arriva il capo officina (dopo circa 1 ora) e dopo un rapido controllo ricollega correttamente qualcosa che gli era rimasto scollegato. Ora l’auto funziona.

Tirando le somme:
Euro 800 (pagati in moneta diretta all’officina e al gommista)

Km percorsi dalla Clio: 80 (consegna all’officina) + 80 (ritiro auto guasta dall’officina) + 80 (ri-consegna all’officina) + (ritiro finale all’officina) 80 + XX (indefiniti e percorsi dal concessionario per fare l’equilibratura presso un’altra officina). Circa 380 km
Km percorsi dalla macchina che mi è venuta a prendere quando ho lasciato la macchina (il primo giorno) e che mi ha riportato a prenderla (3 giorni dopo): 80 (auto di scorta per consegna all’officina) + 80 (auto di scorta che mi riporta a casa) + 80 (auto di scorta per ritorno all’officina) + 80 (auto di scorta che ritorna a casa). Circa 320 km.
Km totali approssimativi 700

Euro 50 circa per carburante

Giorni passati dietro ai problemi e senza macchina: 4

Sia il rivenditore (Narcisi Auto Foligno) sia il gommista hanno fatto presente che alcune Renault escono con questo problema. Io quindi mi domando perché se è un problema di fabbrica non deve essere passato in garanzia. IL CITTADINO ITALIANO HA DIRITTO PER LEGGE a 2 ANNI DI GARANZIA sugli acquisti effettuati come PRIVATO. PERCHE’ NON VIENE RISPETTATA LA LEGGE DALLE MULTINAZIONALI?

Sicuramente la prossima autovettura IO non la acquisterò presso quel rivenditore.