post

stop agli assistenti di navigazione digitali, ora illegali

La suite di navigazione stradale di Microfoft Atlas, quella comunemente usata dai più comuni dispositivi con IOIS e dai Droid, è stata proibita per la circolazione in Italia, sia con accompagnatore, sia tramite auricolare Bluetooth e di conseguenza ne è stata richiesta la rimozione dal PlayApp Market Store.
La normativa è già in vigore tramite il DL molto conosciuto 626/94, la vecchia legge che regolamentata la sicurezza sul posto di lavoro, ora adattata ai lavori con dispositivi digitali.

Oggigiorno, con sempre meno persone considerate casalinghe e con sempre più impiegati part-time, gli spostamenti sono stati catalogati come TRANSITO DAL DOMICILIO AL LUOGO DI LAVORO e appoggiando la richiesta effettuata in parlamento per il diritto al risarcimento degli spostamenti.
Altro punto a favore delle argomentazioni che portano a considerare gli spostamenti un lavoro è stato dato dalle recenti proteste delle settore taxi nei confronti dell’APP Uder, ponendo tutti gli autisti al livello di lavoratori.

Sarà proprio quest’ultimo gruppo ad aver richiesto la rimozione di un app indispensabile per gli utenti che si fingono tassisti ma che non conoscono le strade?

Quindi STOP alle navigazione stradale, a partire da oggi 1 aprile. Il maggiore programma di navigazione, che con l’occasione viene rivisitato e diventa un gioco ARCADE, non sarà più installabile sui nuovi device.

Lo stop ha già provocato piccoli disagi, come quello visibile in foto, dove un autista si è trovato all’interno dell’autodromo per errore è,  al giornalista ha detto sconfortato: “perché il governo si accanisce sugli italiani?”navigazione stradale errata

Degno di nota è il fatto che, non ripristinando il dispositivo,  il programma di navigazione continuerà a funzionare, anche se occasionalmente presenterà il gioco PacMan, troverà tutte le destinazioni richieste.

Altro escamotage sarà l’attivazione di un account in lingua straniera o in lingua italiana purché con indirizzo presso lo stato Vaticano o presso San Marino.

Quindi dopo le deposizioni dei siti web presso un archivio centrale, dopo la normativa che obbliga tutti ad avere il consenso alla gestione dei dati personali, dopo aver avvisato gli utenti web che sono in presenza di un Cookie possibile, ci si ritrova ad un altro blocco assurdo provocato dall’ignoranza di una classe politica composta da soggetti non predisposti al mondo digitale.

1-aprile-2017, ore 18.20

10 motivi per non andare a dormire (se non alle 4 o alle 5 del mattino)

Se vuoi passare una notte produttiva e ti trovi da solo in casa ci sono molte cose che possono spingerti ad andare a dormire “all’alba”.

1) puoi finire alcuni lavoretti rimasti in sospeso
per lavoretti intendo aggiustare una piccola cosa in casa o finire il modellino del tuo hobby preferito o anche finire qualche lavoro di qualche “cliente” della vita diurna, di notte infatti non si viene mai disturbati dagli altri, il telefono non squilla mai e ci sono zero distrazioni. Fate attenzione a non far rumore se abitate vicino ad altre persone…
2) puoi passare la notte a vedere la TV
magari se hai perso tutti gli “episodi” di guerre spaziali o tutta la saga del signore degli anelli (in versione integrale) o magari puoi ripassarti gli ultimi 5 film di Harry Potter prima di andare a vedere al cinema la “prima parte” dell’ultimo capitolo (si perché spezzano in due un film per renderlo più commerciale). Oppure in caso di assenza di materiale posso rassicurarti perché ad esempio su mediaset riescono a fare dei maxi sponsor che arrivano a quasi mezz’ora di chiacchiera per venderti qualcosa di inutile ad un prezzo di “novità”.
3) puoi (se sei veramente appassionato) leggere un bel libro
In una notte puoi tranquillamente finire un gran libro a patto che: sei veramente veloce nella lettura, non ti soffermi a pensare a ciò che dicono i personaggi, non ti soffermi ad immaginare le scene e soprattutto a patto che tu non abbia problemi di vista, altrimenti leggere la notte è drammatico!
4) hai sempre lasciato in disparte la tua raccolta di video e foto per i tempi migliori: questa notte puoi farlo
Puoi vedere, organizzare, eliminare o solo “ordinare” (dando un nome che non sia IMG001 o VIDEO1) a tutta la collezione multimediale che in questi anni hai collezionato tra i mille scatti fotografici inutili e i video più che mai amatoriali realizzati.
5) prendere una confezione di gelato da mezzo chilo e metterti a tavola
Forse non dura più di mezz’ora, ma probabilmente dopo avrai problemi a dormire, quindi lo scopo lo hai raggiunto lo stesso!
6) organizzare una mega partita online
Seleziona il gioco più “lungo” che trovi nella tua collezione e dove ti ritieni imbattibile, seleziona la modalità a “scontro infinito” verso tutti gli avversari che trovi in rete finché non ti sconfiggono. Se poi non sei così bravo forse dovrai andare a dormire presto!
7) cruciverba, quiz e rompicapo
Se non sei un patito dei giochi di ruolo o degli sparatutto non troverai tanti giochi multigiocatore adatti al tuo scopo, allora adattati a giocare con la settimana enigmistica e se non ce l’hai in casa (e alle 11 di sera probabilmente l’edicola è chiusa) cerca i siti di giochi vecchio stile, quiz e sudoku online, ce ne sono centinaia, ma fai attenzione a non prendere quelli pubblicitari che ti fanno scaricare gli spyware!
8) Inizia a Googlare e a navigare senza scopo
magari parti scrivendo il tuo nome sul motore di ricerca, vedi quel che viene fuori e poi clicca sui siti nei link che ritieni più interessanti, forse arrivi anche alle 6 del mattino! Se poi una pagina è poco importante non è grave: clicchi sulla successiva…
9) # …E come procede il romanzo che stai scrivendo, eh? Hai un po’ eeh.. bel po’ di carta ammucchiata lì ? Hai hai hai una bella storiella sulla quale stai lavorando un grande romanzo? Sul quale stai lavorando da tre anni eh? Hai un protagonista avvincente? eh? Forse c’è anche un ostacolo che deve superare eh? Una bella storiella in cantiere. Stai lavorando? Stai lavorando da un bel po di tempo? si? Hai iniziato a parlarne tre anni fa. Stai lavorando senza sosta? Un bel pezzo di narrativa, inizio sviluppo e fine? Amici che diventano nemici, nemici che diventano amici sì? Alla fine il tuo personaggio principale esce arricchito da questa esperienza? Sì? Sì? Sì? Sìì? Ha un… no no ti meriti del tempo libero! (Stewie dei Griffin – Family Guy)
10) puoi fare come faccio io, pubblicare un post inutile sul tuo blog

Colori sugli aggiornamenti del profilo di Facebook (colors status on Facebook profile)

Le vostre amiche hanno iniziato una stravagante moda aggiornando i profili di facebook con una sola parola come BLU, NERO o qualsiasi altro colore (o qualcuna ha scritto “niente :-)”, beh, non sono impazzite, è solo un nuovo gioco, un piccolo diversivo negli aggiornamenti del proprio status che indica proprio di inserire semplicemente UN COLORE, ma non un colore a caso, il colore del proprio reggiseno che si sta indossando!

Svelato il mistero andiamo a scoprire cosa c’è dietro questi aggiornamenti e da dove nascono. Navigando su internet si dice che è iniziato tutto con il blog di una ragazza di Detroit, non è una certezza, è solo “voce di popolo”, comunque molte fonti parlano dello stesso argomento, come scopo finale: far aumentare la popolarità (e quindi diffondere la conoscenza) di una causa molto importante, quale la lotta al cancro/tumore al seno.

Di solito si inizia con un messaggio (ovviamente tradotto in italiano) come questo:

Some fun is going on…. just write the color of your bra in your status. Just the color, nothing else. It will be neat to see if this will spread the wings of breast cancer awareness. It will be fun to see how long it takes before people wonder why all the girls have a color in their status… Haha .

Altre informazioni (in inglese) ai seguenti indirizzi.

http://mashable.com/2010/01/07/bra-color-facebook-status/

http://bellybeyond.blogspot.com/2010/01/facebook-status-black.html

http://www.freep.com/article/20100107/BLOG36/100107070/1008/NEWS06/What-color-bra-are-you-wearing

Se qualcuno che ha la versione “italiana” del messaggio me la può inviare o la può scrivere qua sotto, mi fa un favore!

Aiuto! Lupin III ruba in giappone e non ci sono tracce.

Il famigerato personaggio di fumetti e anime, torna in azione, ma questa volta nel mondo reale. La polizia è perlplessa e non si hanno informazioni sufficenti per identificare l’autore dei vari furti, ma la tecnica è sicuramente la sua.

Nei luoghi dei furti ha lasciato la sua inconfondibile firma e i beni rubati sono senz’altro alla sua altezza:

statua giapponese

la statua Moyai di Shibuya

statua rubata da lupin 3
statua rubata da lupin III a Osaka

la statua di Kuidaore Taro, situata difronte all’omonico ristorante ad Osaka (Dotombori)

La stampante “illusoria” (inedito!)

Cliente: “Salve, io non riesco a caricare la carta nella mia stampante.”

Supporto IT: “In che senso? Si incastrano i fogli? Non li prende correttamente?”

Cliente: “No, è proprio che non riesco a far caricare la carta NELLA stampante”

Supporto IT: “Ma la stampante prende la carta in automatico quando lei stampa, giusto? Nel momento in cui clicca su stampa, o dopo pochi secondi, la stampante si aziona e <<prende>> la carta. A quel punto cosa succede di preciso, da errore? Inizia a prendere il foglio?”

Cliente: “No, ma quello funziona correttamente”

Supporto IT: “Allora quale è il problema?”

Cliente: “E’ proprio il <<caricamento>>: come faccio a mettere la carta DENTRO la stampante?”

Supporto IT: “Semplicemente appoggiando la carta nel vassoio superiore o inferiore, poi la stampante al momento della stampa prende i fogli”

Cliente: “Ma sulla stampante c’è scritto: CAPACITA’ 100 FOGLI. Come faccio a farli IMMAGAZZINARE NELLA STAMPANTE tutti e 100?”

Supporto IT: “…”

Condividete!